google38a4670fad8f46f8.html
  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

Il Dugongo (Dugong dugon)

I Dugonghi Dugong dugon sono animali pacifici e tranquilli.

Sembrano grassi, ma in realtà sono fusiformi (avendo un'ampia parte centrale e una forma conica verso le estremità). Sono idrodinamici e molto muscolosi, raggiungono i 3 metri di lunghezza e pesano fino a 500 kg. Sono esclusivamente mangiatori di fondale, si nutrono principalmente di erba di mare e vegetazione acquatica che sradicano scavando con il muso solchi nel fondo del mare. Gli habitat preferiti della specie sono le acque costiere calde e poco profonde, con ecosistemi sani che supportano grandi quantità di vegetazione. 


In quanto mammiferi, i dugonghi vengono regolarmente in superficie per respirare e si immergono per nutrirsi, esplorare, riposare o viaggiare. Il ciclo riproduttivo è caratterizzato da un lungo periodo di gestazione (13 mesi), al termine del quale la femmina darà alla luce un solo cucciolo che riceverà notevoli cure parentali fino al raggiungimento della maturità sessuale. Si ritiene che questo avvenga tra gli 8 e i 18 anni di età. I dugonghi possono vivere fino a 50 anni (a volte di più), ma a causa del lungo sforzo investito nei loro piccoli, le femmine partoriscono solo poche volte nel corso della loro vita. 


I dugonghi discendono da mammiferi terrestri che pascolavano in paludi erbose poco profonde durante l'Eocene e il loro parente moderno più vicino è l'elefante. La loro pelle liscia è di colore grigio ardesia e i loro corpi sono più filiformi dei lamantini, con la coda a forma di coda di rombo e la testa a forma di maiale. Il parto avviene nelle acque poco profonde dei banchi di sabbia di marea. Il vitello appena nato misura di solito circa 1,2 metri di lunghezza, pesa 30 kg e si affida principalmente al latte materno fino a 18 mesi.


La nostra conoscenza del comportamento sociale dei dugonghi è piuttosto scarsa. Le abitudini e gli habitat dei dugonghi li rendono difficili da osservare e la mancanza di classi di dimensioni distinte o un evidente dimorfismo sessuale limita i dati ottenuti dall'osservazione diretta. L'unica unità sociale definitiva conosciuta e di lunga durata è quella della mamma e del suo piccolo



Come già detto, i dugonghi si nutrono principalmente di erbe marine. Studi recenti indicano che preferiscono le specie di erba di mare più ricche in azoto e più povere in fibre come l'Halophile ovalis.

Possono intervenire sui fondali marini per favorire la rigenerazione delle specie pioniere a crescita rapida. Il mantenimento di un'area di cibo altamente appetibile è stato coniato come "coltivazione al pascolo". Generalmente sradicano le piante intere, producendo delle caratteristiche scie di alimentazione. Come l'ippopotamo, che fornisce agli habitat d'acqua dolce fino a 50 kg di materiale vegetale lavorato al giorno, anche il dugongo ricicla i nutrienti dei prati marini (anche se l'importanza di questo processo ecologico non è ancora stata quantificata).


Dugongo che si nutre in prateria marina


I movimenti del dugongo sono stati monitorati in studi che utilizzano trasmettitori VHF e satellitari. La maggior parte dei movimenti sono all'interno di zone di praterie marine e sono dettati dalle maree. Al limite del loro raggio d'azione, i dugonghi effettuano viaggi stagionali verso le acque più calde. Sono stati registrati sia movimenti a breve distanza (tra i 15 e i 40 km al giorno) sia movimenti a lunga distanza (fino a 600 km), evidenziando l'importanza della collaborazione internazionale nella loro gestione.

Distribuzione nel mondo del Dugongo Dugong dugon

I dugonghi possono essere localizzati in tutto il mondo, con un'ampia copertura di almeno 37 paesi e territori. Il loro raggio d'azione è associato ai fondali marini costieri e insulari nelle acque tropicali e subtropicali dell'Oceano Pacifico occidentale e dell'Oceano Indiano. Circa 85.000 dugonghi del mondo si trovano nelle acque costiere dell'Australia settentrionale. Si ritiene che rappresentino almeno i tre quarti della popolazione mondiale (forse molto di più!). Altrove, le popolazioni sono piccole e frammentate e in alcune aree, come Mauritius, Maldive e parti della Cambogia e del Laos, i dugonghi sono già scomparsi. La carne di dugongo ha il sapore della carne di manzo. La caccia al dugongo per il cibo e l'olio era un tempo diffusa in tutta la zona del dugongo ed è ancora presente in almeno 31 paesi. Tuttavia, grazie agli sforzi globali di conservazione, oggi il dugongo è legalmente protetto nella maggior parte dei paesi.

Vecchia foto dalla collezione del Dr.Hamed Gohar di pescatori egiziani a caccia di Dugonghi

Foto per gentile concessione del National Institute of Oceanography and Fisheries - NIOF | Hamed Gohar Research Station

Dugonghi nel Mar Rosso egiziano

Nel 1957, un biologo egiziano, il dottor Hamed Gohar, pubblicò il primo studio scientifico sui dugonghi nel Mar Rosso. Ci sono prove che gli animali erano conosciuti e cacciati da antiche culture della zona e, di fatto, erano legalmente cacciati in Egitto fino a pochi decenni fa. Le informazioni sulla distribuzione e l'abbondanza dei dugonghi lungo il Mar Rosso africano sono limitate e anche la situazione del Mar Rosso egiziano è ancora relativamente sconosciuta. Tuttavia, diverse località egiziane sono diventate sempre più popolari per la presenza di individui o gruppi di dugonghi residenti e, di conseguenza, continuano ad attrarre sempre più turisti. L'aumento del turismo sta portando a un aumento delle costruzioni lungo le coste egiziane, con un impatto negativo sull'habitat naturale dei dugonghi, in quanto causa di alterazione e degrado. Una serie di iniziative di gestione a livello comunitario dovrebbe essere intrapresa per proteggere la specie, compresa la conservazione dei siti costieri dove i dugonghi esistono o sono probabilmente presenti.


Codice di condotta e migliori regole per Scuba Diving e Snorkeling

  • Non tentare di toccare, cavalcare o inseguire un Dugongo.

  • Non limitare il normale movimento o il comportamento dell'animale

  • Mantenere una distanza minima di 3 - 4 metri dall'animale.

  • Scattate molte foto, ma evitate le foto con il flash che possono spaventare il Dugongo. Fotografate qualsiasi caratteristica che possa aiutare a ri-identificare il soggetto in futuro.

  • Non utilizzare la propulsione subacquea motorizzata.

  • Evitare i dispositivi di segnalazione acustica subacquea.

  • Limitare l'osservazione ad un tempo massimo di 30 minuti.

  • I gruppi di nuotatori dovrebbero rimanere insieme e idealmente rimanere in superficie.

  • Non effettuare immersioni in apnea / Immersione libera vicino al dugongo

  • Non dargli da mangiare.

  • I subacquei devono mantenersi a distanza di sicurezza dal fondo e NON spostare la sabbia o sedersi sull'erba di mare.

  • Non gettare rifiuti sulla spiaggia o sul fianco della barca prima o dopo le immersioni / escursioni di snorkeling.

  • Raccogliere la spazzatura subacquea che sembra fresca.

  • Segnalare eventuali violazioni alle autorità.


Nota importante per i capitani di barca, Zodiac / Speed boat skipper

Codice di condotta e migliori pratiche per la nautica da diporto

Si ritiene che i dugonghi siano il grande mammifero più minacciato del continente africano e nell'Africa orientale si teme sempre più che siano in grave pericolo di estinzione locale, a meno che non vengano adottate misure immediate di conservazione. I dugonghi sono elencati nell'Appendice I della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (CITES) e classificati a livello globale come "vulnerabili all'estinzione" a causa di un calo della popolazione di almeno il 25% negli ultimi 90 anni (IUCN, 2000). Le loro esigenze di habitat e il lento tasso di riproduzione le rendono particolarmente vulnerabili alle attività antropogeniche e sono minacciate dalla caccia, dalle catture accidentali di reti, dall'inquinamento, dallo sviluppo costiero e dalle malattie.


Si spera che questo documento avvii il processo di sensibilizzazione dell'opinione pubblica sulla difficile situazione dei dugonghi nel Mar Rosso egiziano. Ci sono molti modi per raggiungere questo obiettivo sia a livello nazionale che locale. Si potrebbe sviluppare materiale didattico sugli aspetti della conservazione del dugongo e sui metodi per ridurre al minimo le catture accidentali. Le informazioni dovrebbero essere diffuse attraverso le autorità distrettuali e la rete esistente di aree marine protette e progetti di conservazione lungo la costa e attraverso i media. A livello locale, soprattutto nei villaggi di pescatori e nelle località turistiche più importanti, le attività educative dovrebbero essere potenziate con il sostegno del governo egiziano e delle autorità distrettuali attraverso incontri pubblici e piattaforme di e-learning. Nuovi ruoli che si adattano alla situazione attuale e che dovrebbero essere applicati; continuare l'istruzione, una gestione e un monitoraggio adeguati sono un MUST.


Autore: Ahmed Fouad

Traduzione: Alessandra Sicilia

RED SEA PROJECT™

Scarica la tua copia GRATUITA in Alta Risoluzione del Codice di condotta e delle migliori pratiche per le immersioni subacquee e lo snorkeling / navigazione e altro ancora dalla nostra E-Library nella sezione

Red Sea Dugong Project.


RED SEA PROJECT™

International non-profit organization dedicated to the protection and conservation of marine ecosystems and biodiversity.

Registered: EU | AUT | ZVR-Zahl 1533647934

STAY CONNECTED

  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

HEADQUARTERS Körblergasse 63 | Graz, 8010 Styria, Austria

+4366499703000 | info@redsea-project.com     

Copyright ©2020  | RED SEA PROJECT All rights reserved

Terms and conditions