google38a4670fad8f46f8.html
top of page
  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

Squali Tigre - Galeocerdo cuvier

Updated: Jun 27, 2021

Una delle specie di squali più famose, gli squali tigre, si può incontrare nel Mar Rosso, anche se sono meno frequentemente visti dai subacquei rispetto ad altre specie associate alla barriera corallina. Presenti generalmente nelle acque tropicali e subtropicali, nel Mar Rosso, gli squali tigre sono più spesso avvistati intorno alle barriere coralline di Tiran, allo stretto di Gubal, Safaga, Rocky Island, alle barriere coralline di St. John e ai siti di immersione di Elphinstone.

Tiger Sharks - Galeocerdo cuvier


Gli squali tigre appartengono all'ordine Carcharhiniformes ed è l'unica specie esistente del genere Galeocerdo. Ci sono tuttavia un certo numero di altre specie estinte di squalo tigre che sono state identificate da denti fossilizzati. Sia gli squali tigre esistenti che gli squali tigre estinti hanno una dentizione relativamente unica che può essere utilizzata per identificarli. I denti G. Cuvier sono corti e larghi con un doppio bordo seghettato che consente loro di tagliare carne, ossa e gusci di tartarughe.

Una delle caratteristiche identificative più evidenti degli squali tigre sono la loro caratteristiche striature lungo i fianchi simili a quelle di una tigre. Questa caratteristica è più evidente negli individui più giovani, tende a svanire con l'età, permette di mimetizzarsi, consente ai giovani di rimanere nascosti ai predatori e nasconde gli adulti dalle prede prima dell'attacco. Oltre alle striature sui loro fianchi, come molti altri squali mostrano una colorazione disruptiva, con una zona ventrale bianca che si confonde con le acque illuminate dall’alto, e una zona dorsale più scura per nasconderli quando sono sotto la loro preda.

Lo squalo tigre è il più grande della famiglia degli squali Requiem (Carcharhinidae), che contiene altri famosi squali predatori come lo squalo toro (C. Leucas) e lo squalo pinna bianca oceanico (C. Longimanus). Dopo lo squalo bianco, sono la seconda specie di squalo predatore più grande e la 4a specie di squali più grande in assoluto. Gli squali tigre adulti sono in genere lunghi tra i 3 e i 4,5 m, con una testa molto larga e una bocca enorme. Hanno occhi relativamente grandi e la forma slanciata del corpo lascia intendere che possono sembrare relativamente lenti quando nuotano, tuttavia, possono nuotare con scatti rapidi quando tentano di tendere un'imboscata alla preda.


Gli squali tigre sono cacciatori solitari, che spesso si nutrono di notte, e sono ben noti per nutrirsi di un ampio spettro di specie di prede. Mangeranno la maggior parte degli organismi marini, così come gli uccelli marini e le carogne terrestri. Sono stati persino registrati con una vasta gamma di oggetti artificiali non commestibili nello stomaco, dalle targhe e pneumatici per auto alle bottiglie e lattine! Questa varietà di specie di prede indica che gli squali tigre sono predatori alfa particolarmente importanti per mantenere gli ecosistemi marini equilibrati, e garantire che nessuna popolazione di prede cresca al punto da avere impatti negativi su altre specie. Allo stesso modo, si pensa che la loro presenza nei letti di alghe e nei loro dintorni protegga questi habitat dal pascolo eccessivo delle tartarughe e di altre specie di prede. Sebbene siano tipicamente mangiatori generalisti, in alcune aree del mondo, i ricercatori hanno scoperto individui che hanno sviluppato strategie di alimentazione specializzate, ad esempio nutrendosi quasi esclusivamente di uccelli marini o foche.


Nonostante siano una specie prevalentemente costiera, sono stati registrati degli squali tigre etichettati, a profondità che vanno dalla superficie fino a 1000 m. Sono anche in grado di intraprendere migrazioni stagionali tra i tropici e le acque più temperate, e possono percorrere lunghe distanze attraverso l'oceano in periodi di tempo relativamente brevi. Recenti ricerche suggeriscono che nel Mar Rosso, gli squali tigre possono spostarsi in acque più fresche nel nord in estate, e poi tornare verso l'estremità meridionale del Mar Rosso in inverno.

Rispetto ai pesci teleostei (ossei), come altri squali, gli squali tigre hanno una crescita relativamente lenta, maturano tardi e hanno una aspettativa di vita stimata di 20-37 anni. Si riproducono per fecondazione interna e sono ovovivipari, che significa che danno alla luce piccoli vivi, ma gli embrioni si sviluppano nelle uova, all'interno del grembo materno. Gli embrioni ricevono nutrienti da tuorlo delle uova che si schiudono prima del parto. Le femmine possono dare alla luce fino a 82 cuccioli per cucciolata, con una dimensione media della cucciolata compresa tra 30 e 35 piccoli.


Poiché gli squali tigre adulti mostrano comportamenti cannibali, gli squali tigre giovani si trovano di solito in aree più protette come estuari e baie, mentre gli adulti in genere preferiscono ambienti più aperti ed dinamici come le barriere coralline. Questa divisione dell'habitat non solo protegge i giovani squali tigre da altri grandi predatori, ma anche dall'essere mangiati dagli squali tigre adulti.

Gli squali tigre sono elencati dalla IUCN come quasi minacciati, il che significa che attualmente sono a minor rischio di estinzione rispetto a molti altri squali presenti nel Mar Rosso, tra cui lo squalo pinna bianca oceanico (C. longimanus). Tuttavia, sono ancora minacciati dalla pesca in tutto il mondo presi di mira per le loro pinne, carne e olio di squalene.

Fortunatamente, nelle acque del Mar Rosso, tutti gli squali sono protetti dalla pesca in base a leggi locali, accordi e convenzioni nazionali e regionali! Anche la vendita di squali è illegale. La protezione degli squali tigre è particolarmente importante dato il loro ruolo nella gestione delle popolazioni di molte specie di prede e nella protezione di habitat cruciali.



Autore:

Marine Biologist | Trainer

Traduzione: Roberta Ibba

RED SEA PROJECT™



366 views

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page