google38a4670fad8f46f8.html
top of page
  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

Etichettatura errata di prodotti a base di squalo

Updated: Jul 11, 2021

L'etichettatura errata dei prodotti a base di squalo è un problema enorme in quanto espone i consumatori a rischi per la salute, consente alle specie in via di estinzione di entrare nel mercato e danneggia gli ecosistemi marini.


L'etichettatura errata dei prodotti a base di squalo, è un problema enorme in quanto espone i consumatori a rischi per la salute, consente alle specie in via di estinzione di entrare nel mercato e danneggia gli ecosistemi marini. Etichettatura errata significa che i consumatori non conoscono determinati ingredienti contenuti in certi prodotti, come la carne di squalo, in quanto questi non figurano sull'etichetta. Inoltre, ciò non consente ai consumatori di compiere scelte sostenibili e rende difficile prendere decisioni consapevoli. Inoltre, l'uso di iperonimi è spesso un problema in quanto maschera gli ingredienti reali. L'etichettatura errata dei prodotti a base di squalo è uno dei fattori che determinano il rapido declino delle popolazioni di squali. Gli squali sono fondamentali per la salute dei nostri oceani, mantengono l'equilibrio degli ecosistemi e mantengono le popolazioni sane rimuovendo individui feriti, malati e deboli, e specie sovrabbondanti. Le popolazioni di squali stanno diminuendo a velocità allarmanti. Abbiamo già perso più del 90% degli squali del mondo. Dobbiamo proteggere e salvare gli squali dall'estinzione per salvare il futuro dei nostri oceani.

La pesca eccessiva sta portando le nostre popolazioni di squali all'estinzione ed è guidata dall'elevata domanda di prodotti a base di squalo.


Perché il consumo di carne di squalo può esporvi a rischi per la salute?

Consumare prodotti a base di squali (come carne e pinne) vi espone a livelli pericolosamente elevati di tossine come mercurio e BMAA (neurotossina). Gli squali sono predatori apex e quindi accumulano tossine da livelli trofici più bassi attraverso un processo chiamato bioaccumulo - questo significa che gli squali prendono tutte le tossine che le loro prede (e le prede delle loro prede) hanno assorbito. Pertanto, gli squali accumulano livelli significativamente più elevati di tossine nei loro tessuti rispetto alla maggior parte degli altri pesci. Quindi non si tratta solo di frode nell'etichettatura, ma può anche avere un impatto negativo sulla vostra salute.

Diversi esempi di prodotti a base di squalo e piatti comuni come la zuppa di pinna di squalo.


Perché le popolazioni di squali stanno diminuendo così drasticamente?

Il principale responsabile del declino della popolazione di squali è stato identificato con il sovra-sfruttamento, sia attraverso catture mirate, che accidentali (catture accessorie), motivate dalla domanda globale di carne di squalo, pinne, olio di fegato e piastre branchiali. La pratica dello spinnamento degli squali (la rimozione delle pinne dello squalo - spesso condotta mentre lo squalo è ancora vivo, e quindi scaricando la carcassa viva nell'oceano) è principalmente causata dalla tradizionale zuppa asiatica di pinne di squalo, che ha creato un enorme mercato di importazione di pinne in tutta l'Asia e principalmente Hong Kong. Questo piatto era in precedenza accessibile solo per l'alta società, ma attraverso la rapida crescita economica nei primi anni 2000, divenne prontamente disponibile per la classe media, aumentando drasticamente la domanda di pinne di squalo.

La pratica dello spinnamento è illegale in molti paesi, ma viene spesso eseguita da attività di pesca sottopagate - le pinne sono registrate come il prodotto ittico più prezioso (fino a $ 400 per kg di pinne) e non occupa spazio prezioso congelatore su una barca poiché le pinne vengono essiccate sul ponte o sul tetto. In confronto, la carne di squalo vale solo il 20-60% del valore del tonno o dello sgombro, rendendo le pinne asportate un bene molto apprezzato per il commercio illegale, dove i "mercati neri" sono difficili da controllare a causa della mancanza di monitoraggio internazionale. Le stime indicano che ogni anno vengono catturati 100 milioni di squali, di cui fino a 76 milioni uccisi solo per le pinne. Le indagini condotte nell'corso di più anni, hanno rivelato che molte pinne commercializzate appartengono a specie che sono protette da più organizzazioni (come la CITES) e da TACs (Total Allowable Catches), e sono un fattore altamente preoccupante per la conservazione. Si ritiene che la sotto-segnalazione delle catture e la pesca illegale, non regolamentata e non dichiarata (IUU) siano ancora più considerevoli con le pinne di squalo perché spesso non sono registrate nelle statistiche del pescato e difficili da monitorare.


La "tragedia dei beni comuni" è un fattore chiave per lo sfruttamento eccessivo dei nostri oceani e delle popolazioni di squali. Questo descrive il processo attraverso il quale individui razionali e basati sul profitto sfrutteranno risorse comuni (come i nostri oceani), a causa della comune accessibilità e della mancanza di proprietari. Si basa su una mentalità a breve termine, auto-orientata e volta al profitto per massimizzare i beneficio del singolo, piuttosto che conservare il beneficio per tutti. Solo poche iniziative volte a limitare le catture, oltre a una gestione non adeguata della pesca, portano la pesca a massimizzare le catture per aumentare i profitti. La "libertà nei beni comuni porta la rovina a tutti" (Hardin 1998) poiché lo sfruttamento eccessivo di risorse comuni come il pesce alla fine porterà a crolli irreversibili della popolazione colpendo tutti noi.

La pesca degli squali sfrutta eccessivamente le popolazioni di squali a livello globale, specialmente quella delle specie predatorie pelagiche e apex. Questi tassi di pesca non sostenibile hanno portato a un calo sia delle dimensioni degli squali che della diversità in tutto il mondo.


Vi è una carenza di dati specifici per specie, con molte catture che non vengono registrate, in particolare quelli delle catture accessorie. Ciò facilita il commercio illegale, che è difficile da regolamentare (a causa dello scarso controllo sulle attività in alto mare) ed è di scarso interesse politico a causa dell'entità delle sovvenzioni investite nella pesca. Gli elevati incentivi economici riducono i dati affidabili sulle attività di pesca IUU: il commercio non regolamentato di prodotti a base di squalo è considerato come una delle minacce più gravi per le popolazioni di squali. Si prevede che solo la metà delle catture globali sia registrata. Molti paesi segnalano catture di grandi gruppi di specie, pertanto la quantità specifica di specie segnalata è spesso significativamente sottostimata. Inoltre, i dati sulla pesca spesso escludono i rigetti in mare e la maggior parte delle catture non viene registrata, con ulteriori sotto-stimazioni.

Oltre 100 milioni di squali vengono catturati ogni anno.


Esposizione di etichette con informazioni errate

Il controllo sul mercato dei prodotti a base di squalo è ostacolato dalla mancanza di dati specifici per specie, che la pesca commerciale spesso non fornisce. Spesso è difficile identificare la morfologia dei prodotti trasformati (come le pinne di squalo), sebbene il codice a barre del DNA offra l'opportunità di ottenere dati specifici per specie, per la maggior parte dei campioni. Poiché molti prodotti di squalo sul mercato non sono etichettati o sono etichettati erroneamente, il codice a barre del DNA fornisce uno strumento potente, preciso, economico e redditizio che ha messo in evidenza il commercio di molte specie in via di estinzione e commercializzate illegalmente. Inoltre, la decodifica a barre del DNA può rivelare informazioni sull'origine biologica dei campioni e sulla regione in cui sono stati catturati - tali informazioni sono fondamentali per un'efficace conservazione e monitoraggio delle specie minacciate. L'etichettatura errata e la non etichettatura sono più diffuse nei paesi in via di sviluppo e sono per lo più un tentativo di evitare la resistenza dei clienti e di coprire i crimini contro la fauna selvatica (come il commercio di specie protette), consentendo l'ingresso sul mercato di prodotti di squalo illegali. L'etichettatura errata dei prodotti a base di squali viene utilizzata anche per sostituire altre specie ittiche sovrasfruttate sul mercato, non risolvendo ma spostando il problema.

La zuppa di pinna di squalo, un piatto preparato con la cartilagine delle pinne di squalo, è la causa principale dell'alta richiesta di pinne di squalo.


Cosa posso fare?

Il problema più grande è che, in quanto consumatori, spesso non siamo consapevoli di ciò che stiamo effettivamente mangiando. Ecco una lista di iperonimi comunemente usati per mascherare la carne di squalo in tutto il mondo, supportati da ampi studi scientifici. In Australia e nel Regno Unito il "flake" è comunemente usato, ma può anche essere indicato come ‘rock eel’, ‘huss’ o ‘rock salmon’. In Sudafrica, la carne di mako pinna corta viene etichettata come ‘ocean fillets’ o ‘skomoro’. Nei supermercati brasiliani la carne di squalo viene venduta come "cação" e in Grecia come "galeos". Altre denominazioni comuni generali includono "cazón", "bolillo", "surimi", "paletita", "moki" e "whitefish". Inoltre, in alcuni paesi non vi è alcun obbligo legale di etichettare né la specie né la sua origine, come in Australia per frutti di mare cotti.

La cosa migliore che possiamo fare per proteggere gli squali dall'estinzione è ridurre il mercato delle materie prime di squalo evitando di acquistare prodotti a base di squalo. Si prega di tenere d'occhio questi iperonimi per la carne di squalo e spargere la voce.


Flake / Sea Eel (Seeaal)/Moki / Whitefish / Catfish / Cação / Rock Eel / Dogfish / Saumonette / Galeos / Grayfish / Little salmon / Huss / Steak Fish / Paletita / Cazón / Lemon fish / Smooth-hound / Rock Salmon / Cape Steak / Sokomoro / Bolillo / Rigg / Sea Ham / Ocean Fillets / Gummy / Surimi


Gli squali erano molto abbondanti nei nostri oceani, ma ora, si è fortunati ad incontrarne uno. Le popolazioni di squali stanno drasticamente diminuendo e hanno bisogno di maggiore protezione per essere salvate dall'estinzione. Gli squali sono di grande importanza ecologica e cruciali per la salute dei nostri oceani. L'impatto maggiore che possiamo avere per combattere il declino degli squali è boicottare il mercato dei prodotti a base di squalo, educare le persone sull'importanza degli squali e sui problemi alla base di un'etichettatura errata.



Autore:

Marine Biologist | Trainer

RED SEA PROJECT™

Traduzione: Roberta Ibba






 

(Jacquet and Pauly, 2008; Bornatowski et al., 2013;Bornatowski et al., 2014; Staffen et al., 2017; Almerón-Souza et al., 2018; Marín et al., 2018; Hellberg et al., 2019; Hobbs et al., 2019; Pazartzi et al., 2019; Bernardo et al., 2020; Braccini et al., 2020; Marchetti et al., 2020; Minoudi et al., 2020, etc.)

86 views

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page