google38a4670fad8f46f8.html
  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

Spinner Dolphins (Stenella longirostris) - Italiano

Updated: Jul 14

Durante la notte, una comunità di creature che vivono nelle acque profonde che trascorrono le ore di luce diurna in luoghi fche vanno anche oltre le centinaia di metri, inizia a migrare verso l'alto e verso la riva. Man mano che queste ricchezze in termini di "cibo" si avvicinano, i delfini stenella dal becco cominciano a cacciare.

Usando l'ecolocazione, i delfini esplorano l'oscurità e, con i loro fischi e click, richiamano i membri della famiglia per unirsi in un attacco proficuo.

Le difese collettive dei gruppi di delfini proteggono ogni membro dai pericoli.

Delfini e balene attirano ogni anno turisti in Egitto, ma, nonostante la loro popolarità, sono ancora poco conosciuti dal punto di vista scientifico. Otto specie sono considerate stanziali: Tursiops truncatus (Tursiops truncatus), Tursiops aduncus (Tursiops aduncus), Spinner Dolphin (Stenella longirostris), Pantropical Spotted Dolphin (Stenella attenuata), Delfino dal becco lungo (Dephinus capensis), Delfino di Risso (Grampus griseus), Delfino gobbo (Sousa chinensis) e Balena di Bryde (Balaenoptera edeni). Altre specie di altezza sono considerate rare (Notarbartolo et.al. 2007).


Negli ultimi due decenni, le risorse viventi del Mar Rosso hanno sofferto di una serie di impatti umani, tra cui l'uso irrazionale del suolo, lo sviluppo intensivo delle coste, la pesca eccessiva, l'inquinamento e il commercio di curiosità. Inoltre, il Mar Rosso è potenzialmente a grande rischio a causa degli impatti del cambiamento climatico. L'effetto delle attività umane sulle risorse marine non può essere previsto a sufficienza a causa della mancanza di ricerca scientifica.


Nonostante il riconoscimento del valore dei tesori naturali del Mar Rosso sia dal punto di vista ecologico che economico, la ricerca delle conoscenze necessarie per conservare e gestire in modo sostenibile queste risorse è stata lenta.


Il Mar Rosso egiziano a sud di Marsa Alam, dove il turismo è ancora agli inizi, sembra rappresentare un raro esempio di natura incontaminata. Le indicazioni di precedenti ricerche dedicate evidenziano che questa zona marina in gran parte incontaminata ospita barriere coralline di straordinaria bellezza, delfini, dugonghi, tartarughe, squali, mante e altre creature, note collettivamente come "megafauna carismatica marina".

Da quanto si sa sui programmi di sviluppo, è molto probabile che la costa meridionale dell'Egitto sarà oggetto di uno sviluppo turistico "tradizionale" in un futuro prossimo al medio termine, in grado di soddisfare un turismo di massa simile a quello di Hurghada e Sharm-el-Sheikh, che sicuramente porterà al declino e forse alla scomparsa dei suoi preziosi habitat e della flora e fauna associate.

Il turismo nella zona di Marsa Alam e nel Mar Rosso meridionale si sta sviluppando rapidamente, con un gran numero di nuovi hotel e resort in costruzione lungo la costa. L'attrazione predominante per i turisti di Marsa Alam è l'ambiente marino tropicale, con le sue impressionanti barriere coralline e la fauna marina associata. Tuttavia, i luoghi di avvistamento dei delfini non sono molto numerosi lungo questo tratto di costa e Sataya è uno dei più attraenti.

I delfini Stenella sono molto socievoli e interagiscono spesso all'interno dei loro branchi. Essi interagiscono anche con altri tipi di delfini. Usano piu spesso l'ecolocazione e sono anche noti per toccarsi più spesso rispetto ad altre specie di delfini. Creano legami molto intensi con i loro baccelli. Li abbiamo visti saltare, saltare, giocare, accoppiarsi e volteggiare

L'identificazione fotografica degli individui e l'analisi dei marchi e delle ricatture sono utilizzate per monitorare la struttura della popolazione e le dinamiche di gruppo. Le fotografie sono scattate quasi esclusivamente sulla pinna dorsale e sull'area circostante. La forma della pinna dorsale, le tacche (principalmente lungo il bordo d'uscita della pinna dorsale), così come i graffi e le cicatrici sulle pinne e sul corpo sono utilizzati per identificare e catalogare gli individui. Le cicatrici sono causate da una varietà di fonti, tra cui altri delfini, pure della stessa specie.


Gli studi di identificazione fotografica forniscono informazioni sull'uso dell'habitat, sui movimenti e sulle caratteristiche della storia della vita dei singoli cetacei. Alcune specie di cetacei hanno marcature naturali sul corpo, sulle palette o sulle pinne dorsali. Le registrazioni fotografiche di queste cicatrici, intaccature, dentellature o modelli di colore possono essere utilizzate per identificare in modo univoco gli individui. Le fotografie dei cetacei incontrati durante le indagini di avvistamento sono archiviate e associate ad altri dati di avvistamento, ad esempio la posizione di avvistamento, la dimensione e la struttura del gruppo e il comportamento. I singoli cetacei possono essere rintracciati nel tempo e tra le varie località sulla base dei loro unici foto-ID

Le femmine possono essere pronte ad accoppiarsi quando hanno dai 4 ai 7 anni. Per i maschi, è piu tardi, con la media dai 7 ai 10 anni. Ci sono molti elementi di corteggiamento osservati e che sono stati documentati. Sono molto giocosi amano "toccare" l'individuo/a con cui hanno intenzione di accoppiarsi . I periodi dell'anno per l'accoppiamento dipendono dal luogo. Questo accade alcune volte all'anno per ogni località, però, solo quando i livelli ormonali aumentano avviene l'accoppiamento.


Dopo che una coppia si è accoppiata con successo, ci vorranno circa 10 mesi prima che il giovane delfino nasca, le femmine del gruppo si accoppiano con successo. Nasceranno prima per caso e le femmine del baccello sono molto protettive nei confronti di esso e della neomamma. Bevono il latte dalla madre per circa 2 anni dopo la nascita, ma vengono introdotti ai cibi solidi da 4 a 6 mesi.

Le femmine tendono ad accoppiarsi solo una volta ogni 3 anni. Tuttavia, i piccoli possono rimanere all'interno del branco per tutta la vita, e il legame tra loro e la madre rimane forte. Possono vivere in media 20 anni in natura.

Il delfino Stenella dal becco è classificato come in pericolo. Uno dei maggiori problemi per loro è l'inquinamento dell'acqua in cui vivono. Questo può causare danni alla loro pelle e se consumano plastica o sostanze chimiche può causare danni interni. L'uso di reti da pesca commerciali in alcune regioni ha causato a questi delfini ferite o morte. Penso che la sfida più grande che i delfini si trovano ad affrontare in luoghi come Sataya Reef o diciamo anche il Mar Rosso in generale è il turismo. I nuotatori e le barche che visitano la loro area di riposo e si comportano per lo più come barbari.

Gli sforzi per prevenire un'attività turistica più organizzata possono però essere utili. Gli studi sui delfini contribuiranno anche a ridurre il rischio che vengano danneggiati in questo modo.

Gli Spinner Dolphins sembrano essere influenzati molto negativamente dalle fonti di stress nel loro ambiente. I rumori provenienti dalle barche, dalle trivellazioni offshore, dalle miniere e dall'energia idroelettrica possono impedire loro di mangiare bene, di accoppiarsi e possono danneggiare il loro udito. Anche i loro modelli di sonno possono essere danneggiati da tali rumori. Sforzi significativi come la limitazione delle aree per tali attività continuano ad essere messi in moto. Eppure è difficile bilanciare i progressi degli esseri umani con le esigenze di questi delfini per far funzionare il tutto. Senza conservazione, però, il numero di queste meravigliose creature continuerà a diminuire.

Autore Ahmed Fouad

Traduttore: Alessandra Sicilia Pictures: © Ahmed Fouad - HEPCA2013

141 views

RED SEA PROJECT™

International non-profit organization dedicated to the protection and conservation of marine ecosystems and biodiversity.

Registered: EU | AUT | ZVR-Zahl 1533647934

STAY CONNECTED

  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

HEADQUARTERS Körblergasse 63 | Graz, 8010 Styria, Austria

+4366499703000 | info@redsea-project.com     

Copyright ©2020  | RED SEA PROJECT All rights reserved

Terms and conditions