google38a4670fad8f46f8.html
  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

Parco Nazionale di Wadi El Gimal - Italiano

Il Parco Nazionale di Wadi Gimal copre un'area di circa 4.770 Km2 di terra, oltre a circa 2.000 Km2 di acque marine. Il Parco si estende dalle creste frastagliate del deserto orientale attraverso una rete di valli riparate fino alla profondità marina del Mar Rosso.

Rappresenta un ecosistema integrato di terra e di mare che contiene una grande varietà di habitat.

Lo stesso Wadi El Gimal è il terzo più grande wadi (Valle) del deserto orientale che drena nel Mar Rosso e uno dei wadi più ricchi di vegetazione, con una superficie spartiacque stimata di circa 1476,7 km². Nel Parco sono presenti diverse valli importanti come Wadi Abu Ghosoun, Wadi El Ranga e Wadi El Reada.


Wadi El Gimal è la patria di una grande varietà di uccelli, che raramente si trovano in altre parti dell'Egitto. Infatti, questa zona è unica tra i parchi nazionali egiziani nel mantenere una ricchezza di specie molto elevata di uccelli rapaci, tra cui una specie minacciata a livello globale l'Avvoltoio orecchiuto detto anche nubiano (Torgos tracheliotus) e una specie rara e in declino il Gipeto o Avvoltoio barbuto (Gypaetus barbatus). L'isola di Wadi El Gimal ospita la più grande colonia di nidificazione di falchi fuligginosi (Falco concolor) conosciuta al mondo.

L'isola di Wadi El Gimal si trova tra i 3 e i 7 km dalla terraferma. Sono basse, con spiagge sabbiose e scogliere fossili sollevate, con coralli fossili e rocce carbonate. L'intera regione intorno alle isole è una zona di acque poco profonde con una morfologia di fondo frastagliata ed è circondata da barriere coralline con frange poco profonde e ben sviluppate, delimitate da un fondale sabbioso in pendenza. Al di là dei fondali bassi e delle zone intercotidali, il pendio della barriera si allontana e viene sostituito da sabbia, sabbia con alghe o sabbia con macchie di corallo.


Wadi El Gimal Island - CNES©

Questo è il più grande bacino di drenaggio e probabilmente il Wadi meglio vegetato del deserto orientale. La zona è abitata dagli Ababda che mantengono uno stile di vita sostenibile e tradizionale.

Gli Ababda sono la tribù Beja più settentrionale e vivono nell'Egitto centro-meridionale. Quest'area è delimitata, come le altre tribù Beja, tra il Mar Rosso e il fiume Nilo.

Il loro tradizionale caffè "Gabana" è un must a Wadi El Gimal. La Gabana si ottiene tostando i chicchi di caffè su un fuoco di legna, che Ababda chiamano "Rakia", aggiungendo erbe aromatiche tra cui zenzero e cardamomo, poi bollendoli in una pentola di argilla o metallo e aggiungendo zucchero alla fine.

Ci sono cinque isole nel Parco Nazionale di Wadi El Gimal. L'isola Wadi El Gemal è la più grande e la più famosa. Si trova proprio al largo di Ras Bughdadi, all'estremità nord del Parco.

A nord-est di Hamata si estende l'arcipelago di Qula'an, chiamato anche Isole Hamata. L'arcipelago è composto da quattro isole: da nord a sud, Siyal, Shawareet, Umm al-sheikh e l'isola Mahabis. Una quinta, si trova al largo della mangrovia di Hamata, che è periodicamente collegata con la terraferma in condizione di bassa marea. Le barriere coralline che si trovano qui sono tra le più spettacolari al mondo in termini di abbondanza di vita e diversità di specie.


Il Parco nazionale di Wadi El Gimal si estende per 60 km sulla costa del Mar Rosso egiziano e comprende sia l'acqua che la terraferma. Lungo la costa si trovano le isole Wadi Gemal, barriere coralline molto salutari, mangrovieti, letti di fanerogame che nutrono il Dugongo, mammifero marino in via di estinzione, e la Tartaruga Verde (Chelonia midas) , che nidifica sulla costa e sulle isole. Alla foce del Wadi Gemal, un torrente d'acqua dolce che scorre mescolato all'acqua di mare si forma una palude a bassa salinità che sostiene i canneti e le palme Dôm (da dattero). Nell'entroterra si trova il monte Gebel Hamata (1977m), dove si trovano ancora stambecchi e gazzelle.

Il Parco Nazionale di Wadi el Gimal è uno dei parchi marini nazionali più celebrati e fiorenti dell'Egitto. È ben protetto da una serie di severe leggi ambientali. I siti di immersione, un tempo regno dei soli subacquei liveaboard, sono ora facilmente raggiungibili da Hamata e Wadi El Gimal con barche da immersione giornaliere. Tra questi vi sono le isole Hamata, Sha'ab Makhsour, Abu Galawa, Malahi, Satayah e Sha'ab Claudia.



Autore : Ahmed Fouad

Traduzione : Alessandra Sicilia

Pictures © Ahmed Fouad

Dolphis courtesy of Khaled Said©

Lion Fish courtesy of Salvatore Alesci©

Map ©SNES

70 views

RED SEA PROJECT™

International non-profit organization dedicated to the protection and conservation of marine ecosystems and biodiversity.

Registered: EU | AUT | ZVR-Zahl 1533647934

STAY CONNECTED

  • LinkedIn
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram
  • Facebook

HEADQUARTERS Körblergasse 63 | Graz, 8010 Styria, Austria

+4366499703000 | info@redsea-project.com     

Copyright ©2020  | RED SEA PROJECT All rights reserved

Terms and conditions